.

.

lunedì 20 febbraio 2012

In libreria: Apocalypse Kebab...Speciale Mamma Editori #1

J. Tangerine
Apocalypse Kebab


“Grande penna. Saliamo sullo scooter di Alexandra e non vorremmo più scenderne”
 (Publisher Morning


Apocalypse Kebab - J. Tangerine
Titolo: Apocalypse Kebab
Autrice: J. Tangerine
Casa editrice: Mamma Editori
Pagine: 320
Prezzo: € 9,80 

Potete vedere nell'intestazione, in esclusiva per il blog, la libreria della scrittrice!
Leggi le prime pagine qui.


TramaÈ una Praga impazzita, soglia tra passato e futuro, il luogo prescelto dagli Esterni per fare ritorno, potenti e pericolosi, più temibili di quelli che giunsero ai tempi di Golem e Gargoyle.
Alexandra non ha l’aspetto guerriero che vive nel suo nome: minuta, consegna kebab a domicilio a bordo di un rottame che definisce pomposamente scooter. I suoi giovani occhi già troppo hanno visto e troppo hanno sofferto per sollevarsi da terra. Forse per questo evita la voragine che si è aperta davanti al  catorcio lanciato al massimo.  Alex, guardiana della frontiera orientale del continuum spaziotemporale, si china sul cratere e annusa il cielo.
Inizia per lei una battaglia senza esclusione di colpi contro l’invasione  e contro il terribile Arconte, mostro senza tempo che sa entrare nell’anima.
Forse anche in quella di Alexandra.

Il booktrailer...


Quattro gli ingredienti della storia...

1) L’apocalisse secondo Alexandra, pony express con mitra.

2) Praga è la frontiera orientale del continuum spaziotemporale: dai tempi biblici in cui gli angeli videro che le figlie degli uomini erano belle, gli esterni tornano a farsi vedere da queste parti per deviare la storia dell’umanità a colpi di catastrofe. Se a Praga nel medioevo gotico a fronteggiarli c’erano i Gargoyle e nel Rinascimento i Golem, ora ci sono i Column.

3) I Column sono sei. Sono persone particolarmente sensibili mentalmente grazie a un dono che si sviluppa nelle difficoltà della vita. Alexandra è una column che ha sviluppato la sua capacità di “sentire” dal fatto di essere cresciuta sulla strada e di avere precedenti di tossicodipendenza; Dobromilla dal fatto di essere molto grassa. Ma c’è il rom, c’è il figlio del magnate represso dalla schiacciante personalità del padre, c’è il nerd, c’è l’omosessuale in età che ne ha viste di tutti i colori.

4) La storia: Alexandra ha strani presentimenti. Sfreccia sul suo motorino a consegnare Kebab quando una voragine si apre davanti alle ruote in pieno centro a Praga. Per poco non ci finisce dentro. Non c’è odore di bruciato, non c’è stato rumore, i vetri delle finestre dei palazzi liberty sono intatte: non è stata un’esplosione. Alexandra scende dal motorino, si china sul cratere e annusa; la sua bussola interiore le proietta mentalmente l’immagine "non" di un "Esterno", ma di ben sette. E uno è mostruoso, tentacolare enorme... Alexandra va a chiedere informazioni a Iggy l’iguana, un Esterno suo protetto che, in incognito, gestisce un bar fricchettone. L’uomo, faccia da rettile, ascolta l’accaduto e impallidisce. «Questo è, un Arconte», bisbiglia sgranando gli occhi «e sono guai grossi, non vi immaginate quanto.» Peccato che, malgrado l’aura mentale mostruosa l’Arconte sia magro biondo e di altezza media, niente affatto un culturista e abbia un viso d’angelo alla Kurt Cobain.

J. Tangerine: dottoressa in Lettere, è appassionata di arti marziali, pittura barocca e cinema horror. Scrittrice di racconti underground, è la penna di maggior raffinatezza della Bloody Roses Secret Society, club di romanzieri che scrivono con il sangue. Il suo “Porcaccia, un vampiro”, firmato come Giusy De Nicolo e pubblicato in questa stessa collana, ha ottenuto positivo riscontro di critica e di pubblico.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...